Come fotografare il tramonto e ottenere immagini spettacolari

/Come fotografare il tramonto e ottenere immagini spettacolari

Il tramonto e l’alba sono tra i soggetti più fotografati di sempre. In queste fasi della giornata, la luce cambia, diventa più satura e le ombre si allungano per effetto del sole basso all’orizzonte. Per noi fotografi, amatoriali e non, è impossibile resistere al richiamo. L’intensità della luce e i colori vibranti ci spingono a fotografare. Visto che tutti i fotografi hanno fotografato almeno una volta il tramonto, è probabile che la nostra foto risulti banale e simile a milioni di altre immagini già viste. Ecco perchè ti serve sapere cosa fare per ottenere foto di tramonti che si distinguono dalle altre. Per riuscire a raggiungere un simile risultato, basta seguire alcuni accorgimenti tecnici e usare soluzioni alternative per ottenere composizioni nuove. In questo articolo ti spiego quali sono i sette punti che devi seguire per ottenere bellissimi scatti di tramonti.

Attrezzatura da usare

Per prima cosa, dobbiamo scegliere l’attrezzatura adatta che comprende un grandangolo e un teleobiettivo. Quest’ultimo ti permette di realizzare scatti innovativi grazie a soluzioni d’inquadratura diverse dal comune. Il teleobiettivo infatti, può darci la possibilità di giocare sulle lunghezze focali ingrandendo il sole e renderlo il soggetto principale del nostro scatto. Le lunghezze focali grandangolari, ti aiutano a dare risalto al cielo, ottenendo uno scatto più ampio grazie all’angolo focale più grande. Di certo, un altro accessorio che non può mancare è il cavalletto. Ci aiuta a tenere la macchina fotografica ben salda al terreno e ferma per realizzare foto a lunga esposizione. In fine, uno strumento utile per fotografare i tramonti è il filtro graduato. Si utilizza avvicinandolo alla lente dell’obbiettivo per rendere i colori del cielo meno luminosi e più simili alla luce del suolo. Senza filtro infatti, la luce del suolo risulterà sempre più scura rispetto alla luce del cielo, con il risultato che il terreno diventa quasi una macchia scura.

Pianificare il luogo, la posizione e l’ora

La seconda cosa da fare per realizzare scatti di tramonti mozzafiato è scegliere con cura il luogo e la posizione esatta dove impostare il cavalletto. Devi tenere in considerazione l’orientamento del sole, per esempio, se vuoi fotografare il tramonto sul mare devi scegliere una spiaggia che si affaccia a ovest e non a est, puoi aiutarti con google maps. Inoltre, è bene scegliere un’inquadratura dove non ci sono oggetti superflui che possono disturbare il risultato finale come cavi o pali. Ti consiglio di fare dei sopralluoghi e delle prove di scatto per definire l’inquadratura e l’ora migliore.

Esposizione

Come abbiamo accennato sopra, uno dei punti cruciali per fare foto ai tramonti è la differenza di luminosità tra il cielo e la terra. È un fattore di disturbo per il risultato finale dell’immagine. Sopratutto se nello scatto includiamo il sole. Istintivamente siamo portati a impostare la modalità di misurazione dell’esposizione automatica, che considera tutta l’inquadratura, come matrix o valutativa. Nella maggior parte dei casi però, la luminosità del sole assume un peso maggiore nella misurazione dell’esposizione. Il risultato sarà una foto sottoesposta. La soluzione è escludere il sole dalla misurazione dell’esposizione: quindi devi:
inquadrare una parte del cielo in prossimità del sole, escludendolo quest’ultimo, e bloccare l’esposizione premendo il tasto AE-L
riposizionare la fotocamera con l’inquadratura che desideriamo (includendo anche il sole)
realizzare lo scatto
In questo modo si riesce a minimizzare la sottoesposizione di quelle parti che non sono il cielo e il sole. Lo scatto risulta più omogeneo.

Messa a fuoco

In genere, il risultato che si vuole ottenere è una foto con una messa a fuoco dell’intera inquadratura e non di un solo elemento, come potrebbe essere il cielo. Per essere sicuri di ottenere uno scatto con tutti i piani a fuoco, devi impostare la messa a fuoco su aperture strette con valori alti. Devi impostare quindi, un’apertura da f/11 in su.

Studiare la composizione

A differenza di quanto si può pensare, la composizione dell’inquadratura è fondamentale per ottenere uno scatto di un tramonto bello e tecnicamente valido. La prima regola da applicare è la regola dei terzi. Consiste nel tracciare due linee orizzontali e due verticali, ottenendo nove riquadri della stessa dimensione. Ottenuta la griglia, dobbiamo posizionare i soggetti principali dello scatto lungo le linee o in corrispondenza dei punti d’intersezione. Possiamo applicare questa regola anche per le foto dei tramonti, per esempio posizionando il sole e l’orizzonte in corrispondenza dei terzi. Un’altra tecnica di composizione utile, è l’uso delle cornici nell’inquadratura. Per fotografare il tramonto, possiamo applicare la regola delle cornici sfruttando edifici, persone e alberi posizionati ai bordi dello scatto.

La postproduzione

Ogni fotografo, amatoriale e non, ricorre al foto ritocco per migliorare al massimo lo scatto e ottenere l’effetto desiderato. Ovviamente non si può stravolgere l’immagine, lo scatto di partenza deve già essere una bella foto che può essere migliorata ulteriormente in fase di post produzione. Per modificare gli scatti, le immagini devo essere in formato RAW in modo da utilizzare strumenti professionali e avere la massima libertà di azione.

Studio delle fotografie di tramonto

Altro aspetto importante per scattare foto di tramonti, è lo studio di famosi fotografi paesaggisti. È un grande aiuto sopratutto per coloro che cercano l’ispirazione, l’idea che rende lo scatto differente dagli altri. Ci sono tantissimi fotografi paesaggisti da studiare e da cui trarre l’ispirazione, ne ricordiamo alcuni:
Edward Weston
Michael Kenna
Ansel Adams
Marc Adamus
Michael Levin
Murray Fredericks
Inoltre, si può attingere nella grande vastità dei social come Instagram, Flickr, PicsArt e Tumblr.

2018-05-28T17:55:59+00:00